Carne secca: come si mangia, proprietà e benefici

Non è necessario infilare stivali e cappello da cowboy per sentirsi nel Far West. Basta semplicemente chiudere gli occhi e assaporare uno dei piatti tipici di quel posto: la carne secca o, come la chiamano in America, Beef Jerky. Si tratta precisamente di succulenti strisce di carne essiccata insaporite poi con aromi e spezie di vario tipo.

Dietro questo semplice piatto si nasconde una storia ricca di leggende, ma anche una serie di proprietà e benefici che non tutti conoscono.

Cosa significa “jerky” e da dove deriva?

La parola “jerky” ha origine nella lingua Quechua dei nativi americani e deriva dal termine “ch’arki” che significa appunto “carne essiccata”.

Conservavano la carne di cacciagione, bovini, cervi e pesce lasciandola a marinare in una salamoia realizzata con frutta acida per poi appenderla vicino ad un fuoco o al sole per farla essiccare. Lo facevano solitamente prima di viaggiare o durante i mesi invernali, quando non era possibile cacciare e il cibo scarseggiava. Il Jerky era molto apprezzato specialmente durante il mese di febbraio, in quanto i nativi americani descrivevano febbraio come il “mese della fame” a causa delle conseguenze dell’inverno sul raccolto.

Anche i cowboy saltarono sul carro ed iniziarono a portare con loro la beef jerky, per tutti quei momenti in cui non avevano accesso diretto ad un pasto. Le proteine infatti contribuivano a mantenere la sazietà durante le giornate trascorse a cavallo.

Altre teorie folcloristiche sostengono invece che il nome derivi dal movimento che si fa con la testa quando si morde un pezzo particolarmente duro. Il verbo “to jerk” significa infatti “strattonare, strappare”. In effetti era questo il tipico gesto dei cowboy quando mordevano i bocconcini di manzo che portavano crudi sotto la sella, i quali venivano cotti grazie alla frizione della sella e al calore del sole.

Ad oggi la carne secca affumicata con spezie di vario tipo è diventata un ottimo spuntino per chi desidera concedersi una pausa gustosa, senza però rinunciare ad un importante apporto di proteine. Il sapore del jerky è inconfondibile già dal primo morso, quando le striscioline iniziano a sciogliersi in bocca e ammorbidendosi lasciano percepire l’ottimo sapore di carne e spezie.

Proprietà e benefici della carne secca

La cosa più importante da sapere sulla carne secca è che è uno snack molto proteico. Basti pensare che i classici Jack Link’s Beef Jerky Original (che ovviamente trovi sullo store di American Uncle) contengono 40 grammi di proteine, 3,5 grammi di grassi ( di cui unicamente 1,7 grammi di grassi saturi) e soltanto 260 kilocalorie per 100 grammi di carne secca.

Grazie alla scarsissima presenza di grassi e calorie, gli snack di carne essiccata sono dunque molto graditi dagli sportivi o da chi fa una dieta povera di carboidrati. Infatti diventano una validissima alternativa alle classiche barrette proteiche per la palestra grazie agli ingredienti freschi e genuini.

La carne secca fa male?

La risposta è chiaramente NO. Come tutti gli alimenti, è certo che non bisogna farne un abuso, ma in effetti è già il metodo di conservazione stesso della carne a mantenerne intatto il valore nutritivo. I tagli di carne di manzo scelti per questi prodotti sono magri e di qualità, perfetti per produrre strisce di carne rigorosamente selezionate e controllate. Inoltre il metodo di marinatura della carne è fatto con ingredienti naturali e genuini.

Già al primo morso il sapore del jerky è in grado di sconvolgere le papille gustative, questo perché quando le striscioline di carne secca iniziano a sciogliersi in bocca si ammorbidiscono e rilasciano l’ottimo sapore piacevolmente affumicato di manzo e spezie.

Cosa prevede la sua preparazione?

Se si vuole partire da zero nella preparazione della carne secca americana, il processo può risultare un po’ complicato, ancora di più quello di essiccazione che prevede l’utilizzo di un macchinario specifico; molti però si dilettano a farlo comunque in casa ed il risultato non è del tutto spiacevole, anzi.

La cosa fondamentale è la carne di manzo, che deve essere assolutamente fresca e tagliata a strisce più sottili possibili (in modo che il processo di essiccazione sia più rapido e semplice); successivamente bisogna rimuovere il grasso e ricoprire la carne tagliata di sale e pepe.

Infine, basta mettere le strisce di carne preparate in forno ad una temperatura di circa 70 gradi e lasciare lo sportello leggermente aperto, per favorire l’uscita dell’umidità.

In base alla grandezza dei tagli effettuati, il processo di essiccazione sarà più o meno lungo e si aggirerà intorno alle due ore. A questo punto il jerky sarà pronto e non bisognerà fare altro che mangiarlo o… conservarlo.

Curiosità sulla carne secca

La prima cosa che forse in pochi sanno riguardo la carne secca è che sono disponibili sul mercato grandi quantità di varianti senza glutine: spesso la ricetta prevede anche salsa di soia senza glutine.

Inoltre, vantaggio di questa metodologia di preparazione della carne è che essa non necessita di refrigerazione, perché ogni bustina di jerky contiene un assorbitore di ossigeno utile a poterla portare ovunque e conservare a qualsiasi temperatura senza che se ne perda il sapore o i valori nutrizionali.

Niente male, vero? Soprattutto se si considera che si tratta di una tecnica di preparazione che è nata più di cento anni fa e che veniva utilizzata soprattutto dai nomadi che, essendo continuamente in viaggio, avevano bisogno di cibo ricco di energia da poter conservare.

Tutti i gusti della carne essiccata “Beef Jerky”

Jack Link’s è senza alcun dubbio il brand americano per eccellenza nella produzione di carne essiccata. 

Oltre alla ricetta classica Jack Link’s Beef Jerky Original, dal sapore leggermente affumicato e delicatamente aromatizzato è presente anche una variante davvero sfiziosa, dolce e piccante dal tocco agrodolce e speziato, ovvero la Jack Link’s Beef Jerky Sweet and Hot.

l sapori più particolari però sono quelli di Jack Link’s Beef Jerky Teriyaki, al gusto di salsa teriyaki, e di Jack Link’s Biltong Original, al gusto inedito Biltong, un piatto tipico della cultura gastronomica africana caratterizzato da carne di manzo speziata.

Insomma, perdersi anche una sola di queste introvabili novità è assolutamente impensabile. Scoprile nello shop dello Zio!

Articoli correlati

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Ultimi Articoli